1bet Sport Welcome Bonus
Cbet Sport Welcome Bonus

F1, Ferrari – Raikkonen: c’è l’accordo!

Posted by

1235931_10151853836459805_1150734149_n Kimi is back, o forse è il caso di dire che Kimi non se ne è mai andato, almeno dal cuore dei ferraristi. Impossibile negarlo! Il circuito di Monza, gara di casa per la Ferrari, era pieno di striscioni auspicanti un ritorno del Finlandese: “Con Kimi in Ferrari finisce l’era dei bibitari”, “”Kimi return to Italy, we have wine!”, solo per citarne un paio. 1185012_579023505490050_989740198_n

Oggi la Scuderia Ferrari ha ufficializzato quando si sospettava da mesi: il ritorno di Kimi Raikkonen a Maranello; accordo biennale, reso noto dopo la smentita di stamattina delle voci che vedevano Nico Hulkenberg prendere il posto di Felipe Massa.

Sono davvero contento di ritornare a Maranello dopo averci trascorso tre anni fantastici e ricchi di vittorie. Ho moltissimi ricordi che mi legano alla Ferrari e li ho sempre portati con me in questi anni, primo fra tutti l’indimenticabile vittoria del Mondiale nel 2007. Non vedo l’ora di tornare alla guida di una Rossa, di ritrovare tante persone con le quali ho stretto forti legami e di lavorare insieme a Fernando, che ritengo un pilota straordinario, per regalare alla squadra i successi che si merita“. Così ha esordito Iceman, formalizzato il suo ritorno; lontano il suo sfogo in cui ammetteva  “Non mi manca nessuno. Per me, il congedo è stata una liberazione”.  Felice del nuovo compagno anche Fernando Alonso che, ringraziato Massa (“Voglio ringraziare Felipe per tutti questi anni, per la strada percorsa insieme, per il sostegno che ha sempre saputo dare a me e a tutta la squadra. Non sarà facile a fine stagione dover salutare un compagno, davvero unico per professionalità e lealtà e che, fino alla fine, ne sono certo, saprà dare il massimo per una scuderia che ama moltissimo“), replica: “Do il benvenuto al mio nuovo compagno di viaggio: insieme dovremo affrontare una sfida tecnica e sportiva molto impegnativa a partire dal prossimo anno“: sembra non temere il ritrovarsi al proprio fianco non un secondo pilota, ma l’ultimo vincitore di un titolo iridato con la Rossa.

Raikkonen torna in Ferrari dopo le stagioni 2007-2009; aveva lasciato la Formula 1 per disputare due stagione nel rally, poi il rientro nella massima serie con la Lotus nel 2012. Solo due successi ottenuti finora con la scuderia di Enstone: l’anno scorso ad Abu Dhabi e quest’anno in Australia; un gruppo affiatato, la Lotus, che gli ha sempre lasciato la massima libertà, ma che purtroppo non è mai riuscita ad andare incontro alla fame di vittorie del finlandese. Eppure la Lotus ha sperato fino all’ultimo che Raikkonen scegliesse di restare, prediligendola ai soldi e ai migliori piazzamenti della Ferrari. Colta quasi di sorpresa dall’annuncio del ritorno a Maranello, tramite i Social la Lotus saluta in modo amaro (e poco elegante)  il pilota:  ”E così Kimi va alla Ferrari nel 2014. Fa un po’ male…”, postando la foto di due conigli che si accoppiano. 849a2a803c4bddbba1fb1624dba158cf-24171-d41d8cd98f00b204e9800998ecf8427e

Sulla carta la coppia Ferrari 2014 è stata fatta, a parole sono tutti affamati e motivati, pronti ad agguantare quel Mondiale che sfugge da molti, troppi anni. Ma cosa succederà? Raikkonen nel 2008, non avendo più chanches iridate, si è fatto da parte, aiutando Massa: farà lo stesso con Alonso? Soprattutto, lo spagnolo che in Ferrari è sempre stato l’unica primadonna, riuscirebbe a farsi da parte e aiutare il compagno? In fondo già nel 2007 in McLaren la convivenza con un suo pari, Hamilton, è risultata difficile, avrà imparato la lezione? Vedremo da marzo, in Australia, cosa accadrà, per ora gustiamoci questo finale di stagione, dato che tutti i piloti sono motivati a terminare questa stagione 2013 portando le maggiori soddisfazioni alla propria squadra: vale per Raikkonen con la Lotus, con Massa per la Ferrari e con Alonso che ricordiamo, seppur in difficoltà sta ancora lottando per il Mondiale contro Vettel.

  • Antonio D’Onofrio

    Finalmente possiamo avere due piloti di ottimo livello, e non solo uno. Con tutto il rispetto per Massa, che ha sì dato tanto, ma non era mai abbastanza