Favola Crutchlow, trionfo davanti ad un Rossi monumentale. Marquez out

0 Flares Filament.io Flare More Info“> 0 Flares ×

L’aveva detto alla vigilia della trasferta australiana che, una volta messo il sigillo sul quinto mondiale, avrebbe guidato in maniera diversa. Se Marc Marquez quel “diversa” intendeva oltre il limite non lo sappiamo, sta di fatto che oggi è riuscito nell’impresa di fuggire prima e di cadere poi. Con Rossi quindicesimo sullo schieramento di partenza, il neo campione del mondo aveva la vittoria in tasca, ma ha vanificato tutto con un errore che gli è costato la gara. Poco male visto che ha ancora 57 punti di vantaggio su Rossi, contro i 50 ancora in palio prima della conclusione del mondiale.

La seconda Honda ufficiale sembra sempre più quella di Cal Crutchlow, che si è mantenuto su livelli altissimi dopo la vittoria di Brno. Il pacchetto tecnico in dotazione al team di Lucio Cecchinello, unito probabilmente ad una situazione personale quantomeno serena, sembrerebbe aver messo l’inglese in condizioni di fare davvero la differenza. La vittoria sul circuito di Phillip Island è un vero e proprio trionfo, dopo una gara costruita giro dopo giro, con un ritmo costante e inarrivabile per tutti, Marquez a parte.

I venti punti recuperati (inutilmente) da Rossi su Marquez, equivalgono alla seconda posizione al traguardo, qualcosa di davvero straordinario se considerato da dove partiva il pilota di Tavullia. L’ennesimo “miracolo della domenica”, che se non fosse stato per un Crutchlow in stato di grazia, avrebbe anche potuto tradursi nell’ennesima vittoria del nove volte campione del mondo sul tracciato australiano. La voglia di riscatto dopo la trasferta giapponese era tanta per Valentino, che ha dovuto lottare con ben 12 piloti per risalire la classica e completare una rimonta delle sue.

Terzo Maverick Vinales, anch’egli partito nelle retrovie. La bagarre con Dovizioso ed Aleix Espargaro ha visto quest’ultimo cadere a pochissime tornate dalla fine, ma non è stata comunque senza esclusioni di colpi. Quarto quindi il centaturo della Ducati, che dopo il week end disastroso dello scorso anno, conclude la gara ottenendo il massimo dalla propria Gp16. Solo sesto Jorge Lorenzo che cercherà riscatto in Malesia la prossima domenica. La scarsa confidenza con le Michelin con le basse temperature lo ha costretto ad incassare dal compagno di squadra nonchè contendente al titolo di vice campione del mondo.

CLASSIFICA

POS. PUNTI NUM. PILOTA NAZIONE TEAM MOTO KM/H DATA E ORA/DISTANZA
1 25 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda Honda 176.5 40’48.543
2 20 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 176.2 +4.218
3 16 25 Maverick VIÑALES SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 176.1 +5.309
4 13 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 175.9 +9.157
5 11 44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 175.5 +14.299
6 10 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 175.1 +20.125
7 9 45 Scott REDDING GBR OCTO Pramac Yakhnich Ducati 174.5 +28.369
8 8 38 Bradley SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 174.5 +28.781
9 7 9 Danilo PETRUCCI ITA OCTO Pramac Yakhnich Ducati 174.5 +28.792
10 6 43 Jack MILLER AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda 174.5 +28.815
11 5 6 Stefan BRADL GER Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 174.3 +31.809
12 4 19 Alvaro BAUTISTA SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 173.1 +47.734
13 3 68 Yonny HERNANDEZ COL Pull & Bear Aspar Team Ducati 173.1 +47.749
14 2 50 Eugene LAVERTY IRL Pull & Bear Aspar Team Ducati 172.7 +54.311
15 1 7 Mike JONES AUS Avintia Racing Ducati 172.6 +55.875
16 53 Tito RABAT SPA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda 171.9 +1’06.395
17 69 Nicky HAYDEN USA Repsol Honda Team Honda 170.8 +1’22.604
Non classificato
8 Hector BARBERA SPA Ducati Team Ducati 174.5 3 Giri
41 Aleix ESPARGARO SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 176.2 5 Giri
93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 176.6 18 Giri
76 Loris BAZ FRA Avintia Racing Ducati 0 Giro
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io Flare More Info“> 0 Flares ×
Jacopo Leopardi

Jacopo Leopardi

Jacopo Leopardi, riminese e studente in Ingegneria dell'Autoveicolo presso il Politecnico di Torino. Sono un grande appassionato di motori, seguo la MotoGP da anni e adoro scrivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *