Marquez trionfa ad Aragon e vede il mondiale. Poi Lorenzo e Rossi 

0 Flares Filament.io Flare More Info“> 0 Flares ×

Solo un passo falso qui, ad Aragon, sulla pista che avrebbe -ed è ha- dovuto fermare la rimonta (per quanto timida) di Valentino Rossi, avrebbe potuto mettere in discussione seriamente il mondiale di Marc Marquez. Solo un inciampo clamoroso sul cammino del pilota spagnolo, a casa sua, sarebbe potuto rivelarsi fatale. Al netto di un piccolo spavento nei primi giri, a cui Marquez ha reagito molto intelligentemente, il pronostico era facilmente alla portata. È così, il primo vero macigno sul mondiale è stato messo.

Una gara partita in salita ma gestita con ampio margine da Marquez. Vinales, Rossi e Lorenzo hanno provato ad impensierire il pilita Honda in tutti i modi, e l’hanno indotto a strafare. Missione compiuta? Nemmeno per idea, il margine nel polso destro era troppo. Ricominciare tutto a quasi due secondi dalla testa e in quinta posizione non è in genere un passeggiata per chiunque non si chiami Marc Marquez ad Alcaniz. Ripresi gli avversari, gli ultimi giri non sono stato altro che pura burocrazia.

Secondo al traguardo un ottimo Jorge Lorenzo, che a dispetto di un week end fin qui soffertissimo, sceglie all’ultimo di montare la gomma dura (provata solo nel giro di allineamento) in luogo della morbida che lui preferiva, anche se verosimilmente non sarebbe arrivata nemmeno a metà gara.

Terzo un Valentino Rossi a lungo in prima posizione, dopo l’errore di Marquez e dopo aver sopravanzato sia Lorenzo che Vinales. Un decadimento progressivo quello del dottore, conscio che con Marquez ci sarebbe stato poco da fare. Con Lorenzo la reazione è stata diversa ed immediata, tallonato da vicino sarebbe stata bagarre all’ultimo giro. Un errore al penultimo passaggio gli ha impedito di provarci, per un epilogo in agrodolce. Podio ma nove punti persi nei confronti dell’avversario mondiale che con 52 lunghezze di vantaggio, salvo cataclismi, sarà campione del mondo.

Gara tirata e divertente quella andata in archivio ad Aragon, a cui è mancata la Ducati di Andrea Dovizioso, che equipaggiato con gomme morbide, ha subito un degrado troppo importante per stare addirittura nella top ten. Dopo due settimana di stop sarà tempo del trittico asiatico, che sancirà definitivamente le sorti del mondiale.

CLASSIFICA

POS. PUNTI NUM. PILOTA NAZIONE TEAM MOTO KM/H DATA E ORA/DISTANZA
1 25 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 167.0 41’57.678
2 20 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 166.8 +2.740
3 16 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 166.6 +5.983
4 13 25 Maverick VIÑALES SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 166.4 +8.238
5 11 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda Honda 166.1 +13.221
6 10 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 165.8 +17.072
7 9 41 Aleix ESPARGARO SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 165.7 +18.522
8 8 44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 165.7 +19.432
9 7 19 Alvaro BAUTISTA SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 165.4 +23.071
10 6 6 Stefan BRADL GER Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 165.1 +27.898
11 5 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 164.8 +32.448
12 4 51 Michele PIRRO ITA Ducati Team Ducati 164.7 +35.033
13 3 8 Hector BARBERA SPA Avintia Racing Ducati 164.6 +36.224
14 2 50 Eugene LAVERTY IRL Pull & Bear Aspar Team Ducati 164.5 +37.621
15 1 69 Nicky HAYDEN USA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda 164.3 +40.509
16 68 Yonny HERNANDEZ COL Pull & Bear Aspar Team Ducati 164.1 +43.906
17 9 Danilo PETRUCCI ITA OCTO Pramac Yakhnich Ducati 163.3 +56.740
18 76 Loris BAZ FRA Avintia Racing Ducati 163.1 +59.681
19 45 Scott REDDING GBR OCTO Pramac Yakhnich Ducati 160.9 +1’34.126
Non classificato
53 Tito RABAT SPA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda 164.4 7 Giri
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io Flare More Info“> 0 Flares ×
Jacopo Leopardi

Jacopo Leopardi

Jacopo Leopardi, riminese e studente in Ingegneria dell'Autoveicolo presso il Politecnico di Torino. Sono un grande appassionato di motori, seguo la MotoGP da anni e adoro scrivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *