We Cannot Be Serious – Pronti al Grande Slam

0 Flares Filament.io Flare More Info“> 0 Flares ×

Consolone carissimo, ci ritroviamo?

Come promesso, no?

Puntuali come un overrule di Marià.

O un warning di Bernardes a Nadal.

No dai subito a mettere il dito nella piaga, non si fa Consolone.

Hai ragione, parlare di Rafa in questo momento non è l’ideale, perlomeno in termini ironici.

Esatto da metà articolo, quando entriamo nel vivo, se ne parla.

E adesso di cosa vuoi parlare?

Stavamo ancora cincischiando come nel più classico dei nostri We Cannot. Ma dobbiamo parlare della terra e mi sa che ci tocca anche Djokovic, un Career Grand Slam assolutamente meritato, non trovi?

Meritatissimo, non c’è che dire, a parte il fatto che è semplicemente di altro livello rispetto a tutti gli altri tennisti del pianeta. Ma se dalla definizione “Career Grand Slam” levassimo la parola “Career” tra qualche mese?

Certo e magari ci aggiungiamo la parola Golden, andiamo un passo alla volta che poi ci danno anche dei gufi.

Tutto può essere, ma hai ragione procediamo un passo alla volta.

Dico era chiaro che fosse il favorito anche senza i guai di Federer e Nadal, in più secondo me si è tolto un peso enorme, cioè sentiva parecchio l’appuntamento.

Indubbiamente, però sai secondo me con Federer e Nadal in tabellone fino alla fine avrebbe avuto un po’ più di pressione addosso, non tanto con lo svizzero ma con lo spagnolo sicuramente sì.

Vabbé che sicuramente Nadal avrebbe opposto più resistenza, anche solo a livello psicologico, di Murray lo sappiamo tutti. Io ricordo ancora lo smashonzo o il doppio fallo sul match point.

Ma smashonzi o simili a parte, credevo veramente che Nadal fosse tornato a livelli competitivi, ed invece tutto si infrange così…

Niente Consolone questo giro vuol parlare di Nadal…si è un infortunio inedito e doveva essere l’anno del ritorno, se ne aveva, forse anche lui ha finito la benzina e gli rimangono i colpi su pochi appuntamenti.

Beh sai è stato veramente molto strano perché come dici tu oltre ad essere inedito è saltato fuori veramente all’improvviso. Stiamo parlando di una lesione al polso che lo terrà fermo almeno un mese e mezzo mica fesserie.

Anche l’infortunio di Roger, così tiriamo in mezzo anche l’altro, doveva tenerlo fuori un po’, poi il miracoloso recupero che però evidentemente è stata una forzatura, quindi meglio che se Nadal sta male non aggravi la sua condizione.

Oggi ho visto uno spezzone di partita di Federer(Stoccarda, ndr) e l’ho visto ancora abbastanza rigido nei movimenti, resta da verificare se si tratti di un recupero incompleto o di semplice prudenza. Sta di fatto che a Wimbledon deve tornare a “volare come una farfalla” (e così mettiamo dentro questo delirio anche un doveroso omaggio) se non vuole ritrovarsi sull’aereo per Basilea entro il “Middle Sunday”.

Guarda io credo che alla seconda settimana magari arrancando ci arriva, quello che vogliamo noi tifosi è che giochi da Federer e non dal gemello che sempre più lo ha sostituito ultimamente. Anche se dare forfait due volte in due Slam consecutivi sarebbe una catastrofe per lui.

Wimbledon non è un torneo come gli altri (ed in parte ti dò ragione perchè pur non essendo un evento particolare lui si trova meravigliosamente) ma in questo periodo vedo tanti tabelloni pieni di mine vaganti, rappresentati soprattutto da giovani. Certo, Thiem e Kyrgios sono tra i primi 15 e non dovrebbero essere oggetto di incroci pericolosi entro la prima settimana ma non si sa mai. Stakhovsky docet.

E anche questo è vero, però ti allontani dall’argomento principale della nostra chiacchierata, dovremmo parlare di terra e di Roland Garros, anche se capisco benissimo che vorresti subito passare ai prati dell’All England Club.

Beh si i prati hanno un fascino particolare, lo sai anche tu, però va bene non deragliamo e torniamo sui binari nonostante queste divagazioni potrebbero essere un altro omaggio ad una coppia inarrivabile.

La coppia inarrivabile Roger & Rafa o dovevo intuire qualche cosa che non ho intuito?

Non hai intuito perchè non sei un grande appassionato delle partite di tennis con telecronaca, anche se probabilmente erano proprio gli unici che “facevi parlare” durante la visione degli incontri.

Ah quello sicuro, però i buoni Tommasi-Clerici mancano un po’ dal commento a Wimbledon…

Sì, e purtroppo non torneranno, ma almeno possiamo dire di averli vissuti per qualche anno. Ma comunque torniamo sulla terra (in tutti i sensi).

Io devo tornarci davvero sulla terra perché ti confesso che ho sempre ammirato Murray per il talento e la tecnica che ha, e che però non mette in campo, ma al tempo stesso gli ho dato fin troppe ultime possibilità di convincermi e lui puntualmente non le sfrutta.

Ma Murray è così, prendere o lasciare. Molto spesso ha illuso ma allo stesso tempo non riesce mai a creare la sorpresa.

Sorpresa? Mi basterebbe anche meno, ogni tanto potrebbe fare qualcosa che mi possa far spostare un cm dalla sedia..

Non credo sia parte del Murray tennista anche se nelle sue due vittorie più celebri (quelle casalinghe) credo sia riuscito a trascinare gli spettatori a livello emozionale, o almeno questa è la mia impressione. Però forse ti riferivi ad altro.

Ma non per forza vincendo, difficilmente gioca un punto importante bene se ci pensi, o chiude un gran colpo a cui segue uno sfogo liberatorio, cioè sia che gioca vincente o commette un errore dice sempre quella parolina in inglese.

Di sfoghi ne vediamo tanti, il problema è che non sono praticamente mai positivi! L’altra volta sembrava una gag quando tra un punto e l’altro se la prendeva con il suo angolo utilizzando parole sempre meno carine con il passare dei punti.

E stava vincendo…

Infatti, pensa se fosse stato sotto! Lo avrebbero squalificato…

Beh c’è andato, ma l’atteggiamento è rimasto identico. Sappi che il direttore ad honorem ci bacchetta se non dedichiamo al suo pupillo qualche riga.

Dimentico sempre chi è il suo pupillo, ma immagino possa essere il buon Thiem.

No, quello pure però e si è giocato un gran torneo, ci tornerei dopo, il suo pupillo è quello che ha impedito a Dominic di vincere il torneo.

Immaginavo che per pupillo intendessi il giovane di belle speranze. Beh sul pupillo del direttore ad honorem c’è poco da dire, gli aggettivi sono difficili da trovare.

Sai che senza tre Slam almeno in bacheca l’ex direttore non si sbilancia. Aggettivi difficili da trovare ma onestamente non mi è piaciuto. Non era brillantissimo, ma ha comunque vinto quindi bravo per questo, e non ho visto molto spontaneo il gesto subito dopo che era diventato campione, l’avevo già scritto e sono stato criticato, ma così l’ho vista io.

Ed è questo il motivo per il quale gli aggettivi sono finiti, perchè ormai vince sempre anche senza essere nella migliore condizione psicofisica. Però sottoscrivo quanto hai detto, è stata una vittoria meritata ma poco brillante ma va così: alla storia resterà il suo successo e non la sua brillantezza, che sicuramente può restare nella memoria di chi lo ha visto giocare in quelle due settimane parigine.

Per ricollegarmi, in altri Slam mi sono emozionato di più, qui forse era tutto scontato, cioè siamo abituati a vederlo vincere, sempre quattro Slam di fila ha vinto, probabilmente la gloria oscura la bellezza, però ovvio che alla lunga come dici resteranno solo gli splendidi risultati.

Certamente a parità di successi la bellezza della scalata risalterà rispetto al risultato nudo e crudo, ma qui parliamo di un Career Grand Slam, e non ce ne sono poi così tanti in giro.

Ci ho scritto proprio l’altro giorno sopra questo argomento e negli ultimi anni se ne sono concentrati un po’ di Career e ho anche lanciato il sondaggio se Nole può completare il Grande Slam, puoi rispondere si, no o si con l’aggiunta dell’oro olimpico.

Difficile perchè le Olimpiadi possono anche essere l’ago della bilancia per ciò che concerne la stagione Major del serbo, un po’ come fu per Murray nel 2012. Ma se mi chiedi un pronostico la butto lì: Campione Olimpico ma niente Grande Slam.

Consolone gufo…basta che non gli succede come Serena a due match dalla leggenda, che ancora l’americana se la porta dietro questa cosa, come anche il record di Slam della Graff.

Magari viene eliminato da Fognini…

E in finale vince Seppi…che poi annuncia il ritiro, occhio che l’età è quella.

Una volta va bene, la seconda resterà una fantasia.

Comunque io i nostri ultimamente li vedo malissimo, non so tu.

Anche io, per i motivi più disparati. Errani e Vinci credo abbiano problemi con la pressione mediatica ma spero possano risalire, Seppi è martoriato dagli infortuni e Fognini sarà stato distratto dalle nozze. Li aspettiamo tutti nei prossimi appuntamenti per scacciare i fantasmi della crisi. Tu che dici?

Ovviamente non mi pronuncio su quelli che hai già citato, ci aggiungo che il signor Giorgi se potesse toglierebbe la cittadinanza italiana a sua figlia e l’unico azzurro che mi ha trasmesso qualcosa nelle ultime settimane è Sonego. Dovremmo puntare su gente giovane, ma non alla solita maniera italiota.

Ecco, la Giorgi penso che tornerà argentina alla prima occasione. E poi hai centrato la nota dolente: non abbiamo un settore giovanile pronto per un ricambio immediato.

Quanto vorresti essere spagnolo sotto questo punto di vista?

Sinceramente nemmeno un po’, ma vorrei che gli italiani imparassero tutto ciò che c’è da imparare dagli spagnoli in questo campo, hanno una grandissima capacità di sfornare atleti pronti in qualsiasi disciplina senza patire le conseguenze dei ricambi generazionali. Certo il campionissimo poi è un qualcosa che sfugge da ogni logica ma quanto a campioni non sono mai a secco.

Per ricucire il gap imparando forse dovremmo alzare la test dallo smartph…vabbé non è tanto il campione, tanto la mentalità degli spagnoli che li aiuta a fare la differenza.

Certamente, ma la giusta mentalità è parte integrante dei campioni, e se si lavora sodo con le giuste metodologie il resto viene da sè.

Son d’accordo prendi questa Garbine, non mi ha impressionato per chissà quale colpo o grande tecnica, semplicemente è stata più costante di Serena e ha giocato senza sentire la pressione della finale.

Esattamente, la Muguruza è una di quelle tenniste che ancora non sono riuscito ad inquadrare sotto il punto di vista tecnico, però ha un ottimo spirito ed approccio alla partita e questo l’ha portata a vincere a Parigi e fare una finale a Wimbledon. Quindi non sono solo io a ritenerla una buonissima tennista tecnicamente ma con nessuna vera e propria arma letale.

A guardarla in tv ha dato quest’impressione anche a me. Per il resto nel femminile gli ultimi tre slam sono andati a tre tenniste che non avevano mai vinto un Major. Un caso?

Non più, da quando la Williams ha perso le sue certezze ormai la strada per nuove “prime volte” o illustri ritorni si fa in discesa. Certo prima o poi tornerà a vincere anche lei, magari già a Londra.

Secondo me vincere i prossimi Slam le dovrebbe venire facile, ha meno pressione perché ha già “fallito” e tutti se la aspettano molto meno favorita. Poi lo stesso Djokovic le porta via un bel po’ di pressioni e attenzioni dei media, infine Wimbledon e Us Open, prima e seconda casa per lei.

Secondo me è più facile che vinca Wimbledon perchè l’erba è la superficie meno “logica” rispetto alle altre, e Serena è una delle poche che si sente a proprio agio quindi il cerchio si restringe. Certo, non ti nascondo che, ma lo saprai già, mi piacerebbe vedere un terzo titolo della Kvitova o magari la prima della Lisicki dopo quella finale persa. Due con un bel gioco che si adatta perfettamente ai campi britannici.

Sono più per Sabine, se ripenso che ha perso da Bartoli, mamma mia. Vedo che comunque abbiamo le idee abbastanza chiare, su erba forse avremmo potuto aggiungere il nome di Sharapova, ma visto la fine che sta facendo…ciao ciao Masha.

La sentenza non ha fatto sconti per lei e adesso è anche troppo presto per parlare di prospettive di carriera post rientro, non credo voglia ritirarsi e sarà curioso vederla rientrare alla fine della squalifica, sia per testare il suo status mentale sia per vedere quale sarà l’accoglienza dell’ambiente tennistico per il suo ritorno alle competizioni.

Secondo me non torna caro Consolone, già nell’ultimo periodo la vedevo svogliata e spesso fuori condizione, se davvero le confermano due anni di stop mi sa che è una botta da cui non si riprende.

Questo può essere, ma ho la sensazione che voglia essere lei ad avere l’ultima parola sulla sua carriera.

Sarà, mi sembra che su Wimbledon abbiamo le idee abbastanza chiare tutti e due, vogliamo tirargliela definitivamente? Djokovic e Serena.

E tiriamogliela dai!

Perfetto, c’è altro di cui potremmo parlare? Ti viene in mente qualcosa?

Nulla in particolare, tu hai qualcosa in serbo?

No consolone, per me può bastare così. Prossimo appuntamento (da evitare ovviamente)?

Proviamo a profanare Wimbledon con la nostra parola?

Mi sembra che lo facciamo già da un po’, infatti Roger ci ha perso due finali negli ultimi due anni, ci riscriviamo dopo i Championships allora.

Ricevuto!

Che l’erba sia con noi!

Benedetti siano i prati!

Simone Milioti & Fausto Consolo

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io Flare More Info“> 0 Flares ×

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *